8:00 - 20:00

Aperti dal Lunedì al Venerdì

091 58 12 09

Contattaci per una consulenza

Facebook

Youtube

Cerca
 

Casi e sentenze

Avvocato Carlo Riela > Casi e sentenze

Il danno biologico. Definizione, calcolo e risarcimento.

danno biologico

Per meglio comprendere il concetto di danno biologico bisogna partire dalla premessa che l’integrità della persona è bene primario, che deve essere tutelato giuridicamente non solo quando la menomazione abbia compromesso, totalmente o parzialmente, definitivamente o temporaneamente, le capacità del soggetto di attendere alle sue ordinarie occupazioni produttive, ma in tutte le ipotesi in cui la menomazione abbia determinato un depauperamento del valore biologico dell’individuo. Quando si parla di danno biologico si fa riferimento alla lesione della integrità psicofisica, suscettibile di valutazione medico legale, della persona. Il danno biologico, detto anche danno alla salute, riguarda il danno fisico (fratture, ferite, ecc.) o...

Scopri di più

Autorizzazione vendita liquidi sigaretta elettronica

Autorizzazione vendita liquidi sigaretta elettronica Sigaretta elettronica: pubblicato il decreto di autorizzazione vendita. Termine scadenza presentazione decreto di autorizzazione vendita prodotti da inalazione senza combustione costituiti sostanze liquide con o senza nicotina: ENTRO 30 GIORNI DALLA PUBLICAZIONE DEL DECRETO SUL SITO ADM, QUINDI ENTRO IL 22/04/2018 SCARICA IL MODULO Gli imprenditori che operano nel settore della sigaretta elettronica (e-cig) o vaping sono in fibrillazione in seguito alla pubblicazione del decreto Direttoriale 47885 del 16/03/2018 da parte dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli. L'Agenzia delle Dogane e Monopoli stabilisce con il decreto sopra indicato le modalità e requisiti per l’autorizzazione alla vendita dei prodotti da inalazione senza...

Scopri di più

Come accedere alle banche dati delle pubbliche amministrazioni e ricercare i beni del debitore da pignorare.

Quali sono gli strumenti previsti dal legislatore di cui il creditore può avvalersi per la ricerca dei beni del debitore da pignorare? L’art. 492 bis c.p.c., introdotto dal D.L. 12 settembre 2014, n. 132, convertito dalla L. 10 novembre 2014, n. 162, prevede la ricerca telematica dei beni e dei diritti da pignorare e consente agli Ufficiali Giudiziari, dietro autorizzazione del Presidente del Tribunale, di accedere alle banche dati delle pubbliche amministrazioni ed in particolare all’archivio dei rapporti finanziari dell’anagrafe tributaria. La finalità dell’istituto è prima facie quella di garantire che il pignoramento sia esperito in modo fruttuoso, evitando a creditori e ufficiali giudiziari...

Scopri di più

Il Tribunale accoglie l’opposizione all’esecuzione per violazione dell’art. 545 c.p.c. dichiarando nullo il pignoramento della pensione minima sociale

Una nostra assistita riceveva dalla creditrice la notifica del pignoramento presso terzi relativa al pignoramento di un quinto della pensione erogatale dall'I.N.P.S. Opponendosi all'esecuzione, la debitrice, dimostrando di percepire una pensione minima sociale di € 502,46, eccepiva l'impignorabilità della pensione ai sensi del novellato disposto di cui all'art. 545 c.p.c. Con il Decreto legge n. 83/2015, infatti, il legislatore ha stabilito che le somme dovute al creditore a titolo di pensione non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà; solo la parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal terzo, quarto...

Scopri di più

L’indennizzo previsto in favore del medico specialista dal D.P.R. n. 316 del 1990 non soggiace alle franchigie stipulate tra l’azienda sanitaria e la compagnia assicuratrice.

Il caso in esame è quello di una nostra assistita, medico specialista ambulatoriale in pediatria presso i poliambulatori siti nel territorio di una ex U.S.L. della provincia di Palermo che, durante il tragitto da un presidio ambulatoriale ad un altro, riportava lesioni personali dopo avere perso il controllo della vettura a causa dell'asfalto bagnato. La compagnia assicuratrice dell’azienda sanitaria si rifiutava di riconoscere alla nostra assistita l’indennizzo così come previsto dal D.P.R. n. 316 del 1990 che ha reso esecutivo l'accordo collettivo nazionale per la regolamentazione dei rapporti con i medici specialisti ambulatoriali, ai sensi dell'art. 48 della legge 23 dicembre 1978...

Scopri di più

Il Tribunale di Palermo condanna il Ministero della Salute a risarcire i danni da emotrasfusione sanguigna pronunciandosi sul dies a quo di decorrenza del termine prescrizionale per l’azione risarcitoria.

Il termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno da emotrasfusione sanguigna decorre dalla domanda per ottenere l’indennizzo di cui alla legge 210/1992. In occasione di un ricovero effettuato nel 1984, a seguito di una emotrasfusione sanguigna, la madre di un nostro assistito contraeva il virus dell’HIV e successivamente dell’HCV. Nel Settembre del 2010, la danneggiata conveniva in giudizio il Ministero della Salute e l’Azienda ospedaliera che aveva praticato l’emotrasfusione per richiedere il risarcimento dei danni subiti. Nelle more del giudizio, l’attrice decedeva e la domanda veniva proseguita dai suoi eredi i quali facevano valere iure successionis le domande già avanzate dalla...

Scopri di più

Il risarcimento del danno morale va liquidato unitamente al danno biologico.

Il Giudice di Pace di Palermo ha pronunciato la sentenza - qui riportata in allegato - accogliendo la richiesta risarcitoria proposta nell’interesse di una nostra assistita per i danni subiti in conseguenza di un sinistro stradale. Al di là della vicenda di ordinaria inciviltà cittadina, che vede un pedone attraversare la strada sulle strisce pedonali ed investito da una vettura priva di copertura assicurativa, merita interesse la motivazione seguita dal giudice per pervenire alla liquidazione del danno morale. Il danneggiato è spesso costretto a ricorrere alle vie giudiziarie proprio a causa della ritrosia delle compagnie assicuratici a riconoscere detta voce di danno...

Scopri di più

Risarcito integralmente il danno al veicolo anche se di vecchia costruzione e la riparazione risulta antieconomica.

Il caso in esame è quello di un nostro assistito che si è visto rigettare la richiesta di risarcimento danni da parte della compagnia assicurativa in quanto la riparazione del suo veicolo di vecchia costruzione sarebbe stato antieconomico. Il Giudice di Pace ha condannato la compagnia assicuratrice in solido con i convenuti al pagamento dell’integrale danno subito dall’attore, malgrado la consulenza tecnica di ufficio accertava che effettivamente la riparazione antieconomica del veicolo. Rileva il Giudice di Pace che la liquidazione del danno non deve essere necessariamente contenuta nei limiti di valore del bene danneggiato, ma deve avere per oggetto l’intero pregiudizio subito dal...

Scopri di più

Ministero della Giustizia condannato per durata eccessiva del processo.

Ministero della Giustizia condannato per durata eccessiva del processo. Il caso in esame è quella di una nostra assistita che ha atteso ben 14 anni per ottenere una sentenza dal Tribunale del Lavoro di Palermo. Infatti, nel lontano 1999, la nostra assistita aveva iniziato una causa nei confronti di una Ausl conclusasi con sentenza di accoglimento pubblicata il 26.08.2013 dal Tribunale di Palermo – Sezione Lavoro. Per tale ragione, con ricorso ex art. 3, comma 4, legge n. 89/2001, la nostra cliente chiedeva alla Corte di Appello di Caltanissetta, competente per territorio, l’equa riparazione dei danni subiti, in quanto la durata del suddetto...

Scopri di più

Fondo di garanzia risarcisce il pedone investito da veicolo pirata.

Fondo di garanzia risarcisce il pedone investito da veicolo pirata. La vicenda è quella di un caso di ordinaria inciviltà: una nostra assistita investita da un’autovettura pirata che, procedendo contromano ed a fari spenti, fuggiva senza prestare soccorso dopo averla scaraventata al suolo causandole lesioni personali. Malgrado le resistenze della compagnia assicuratrice nella qualità di impresa designata per la liquidazione dei sinistri a carico del Fondo di garanzia vittime della strada, la vicenda si è conclusa positivamente per la nostra cliente con la condanna al risarcimento del danno in suo favore di € 21.767,15, oltre interessi e spese legali. Il Tribunale ha evidenziato...

Scopri di più